La SS125 “Orientale Sarda” – tratto di Campuomu.

By simone

La SS125 “Orientale Sarda” meriterebbe un articolo lungo tanto quanto la strada stessa, tanto è affascinante e vario il percorso che da Cagliari arriva a Palau attraversando quattro province (Ca, Og, Nu e OT) con quote da zero ai mille metri. Prima o poi sarà scritto.

Inizio dell'Itinerario presso il bellissimo Nuraghe Asoru.
Inizio dell’Itinerario presso il bellissimo Nuraghe Asoru.
Il ponte romano "Monte Acuto" che attraversa il Riu Picocca.
Il ponte romano “Monte Acuto” che attraversa il Riu Picocca.

Qui, dell’Orientale Sarda, voglio celebrare (anche da motociclista) 25 chilometri bellissimi che vanno dall’innesto vecchia/nuova SS125, all’altezza del km 51 presso Nuraghe Asoru (San Priamo, Ca), fino al km 26 presso San Gregorio (Ca). Il percorso, che si snoda completamente sul tracciato originario della Statale in direzione NE-SO (rende quindi di più la mattina col sole di spalle), attraversa la sub-regione del Sarrabus seguendo (nel nostro caso risalendo) il canyon scavato nel granito dal Riu sa Picocca, prima, e dai Rii Cannas e Campuomu poi.

Le curve a gomito sono una caratteristica del percorso stretto fra le coste granitiche di montagne bellissime, ricche di vegetazione.
Le curve a gomito sono una caratteristica del percorso stretto fra le coste granitiche di montagne bellissime, ricche di vegetazione.

Dal Nuraghe Asoru si percorre il lungo rettilineo sul cui sfondo notiamo le montagne del Sarrabus che ci faranno da contorno nel tragitto; in breve costeggiamo e poi attraversiamo, tramite il vecchio ponte romano, uno degli artefici della gola che percorreremo, il Riu Picocca; questo torrente riceve le acque di un bacino idrografico molto esteso, captando quelle del Riu Ollastu (che si origina nei pressi del Monte Genis) e di numerosi rii discendenti dal versante nord-occidentale del massiccio dei Sette Fratelli.

Qui è evidente quanto la strada segua il corso tortuoso del Riu Picocca.
Qui è evidente quanto la strada segua il corso tortuoso del Riu Picocca.

Le curve seguono fedeli il tratto del Riu Picocca che scorre qualche decina di metri più in basso; la presenza dell’acqua è evidente tutto l’anno (sebbene in tempi di siccità raccolta in piccole piscine contornate da oleandri) e si può intuire la potenza dello scorrimento per come sia stata in grado di solcare il duro granito di queste montagne creando il sinuosissimo canyon che stiamo percorrendo.

Il Riu Picocca e la strada che qui scorre bassa.
Il Riu Picocca e la strada che qui scorre bassa.
A metà del percorso, in località Monte Malliu, la strada costeggia il bordo settentrionale del Massiccio dei Sette Fratelli.
A metà del percorso, in località Monte Malliu, la strada costeggia il bordo settentrionale del Massiccio dei Sette Fratelli.

Dopo metà tragitto ci spostiamo sull’altro versante del canyon, qui il torrente sottostante cambia nome in Riu Cannas e la nostra strada comincia a salire, sempre più circondata di vegetazione, con ampie curve che aprono viste bellissime su questa parte di gola più aperta del primo tratto e caratterizzata da fittissimi boschi.

Il tratto di strada che costeggia il Riu Cannas e il Riu Campuomu attraversa fittissimi boschi.
Il tratto di strada che costeggia il Riu Cannas e il Riu Campuomu attraversa fittissimi boschi.

Dopo qualche chilometro, costeggiando quello che si chiama adesso Riu Campuomu, arriviamo al passo di Arcu ‘e Tidu (430 mt. s.l.m.), dove si dipartono le strade per Burcei e per Monte Cresia e Sette Fratelli; l’ultimo tratto di strada fino a San Gregorio, tre chilometri, scende con numerose curve mostrando all’orizzonte la piana di Cagliari e i monti del Sulcis Iglesiente.

La vista su Cagliari dal tratto Arcu 'e Tidu - San Gregorio.
La vista su Cagliari dal tratto Arcu ‘e Tidu – San Gregorio.

Adesso che il traffico su questo tratto di SS125 è scarso, vale la pena percorrerlo d’un fiato in moto ma anche molto tranquillamente, per godersi tantissimi paesaggi affascinanti; lungo il tragitto ci sono modi di scendere al letto del torrente e di addentrarsi in alcune valli eccezionali come quella del Riu Ollastu, oppure seguire le piste forestali come quelle per il Parco dei Sette Fratelli e Monte Cresia.

This entry was posted in Itinerari, Opere dell'uomo, Paesaggi e natura, Tutti

One thought on “La SS125 “Orientale Sarda” – tratto di Campuomu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *