Passaggio in agro di Talana.

By simone
I Monti del Gennargentu, ben visibili nel primo tratto di strada; a sinistra il blocco di Punta Lamarmora, sulla destra l'Arcu Gennargentu e quindi il blocco di Bruncu Spina.
I Monti del Gennargentu, ben visibili nel primo tratto di strada; a sinistra il blocco di Punta Lamarmora, sulla destra l’Arcu Gennargentu e quindi il blocco di Bruncu Spina.
Passaggio sul Rio Bau Mela, appena imboccata la nostra strada verso Talana.
Passaggio sull’alto Rio Bau Mela, appena imboccata la nostra strada verso Talana.

Questo itinerario automobilistico percorre la strada che si orogina dalla vecchia SS389 (poco a nord del ponte sul Bau Mela) in direzione Talana. Si percorrono vasti territori della parte meridionale del Supramonte, sotto il monte Genziana, con vedute sul Gennargentu e verso i Tacchi, fra tutti il solitario tronco di Perda Liana. Numerosi animali in libertà, rocce aspre e rigogliosa vegetazione, grandi montagne e tante possibili deviazioni alla scoperta di una terra solitaria e selvaggia.

Sulla sinistra il Monte Olinie (1.370 mt.) e sullo sfondo a destra il lembo settentrionale dei Tacchi Ogliastrini dove spicca Perda Liana.
Veduta della bellissima campagna di Talana. Sulla sinistra il Monte Olinie (1.370 mt.) e sullo sfondo a destra il lembo settentrionale dei Tacchi ogliastrini.
L'onnipresente sagoma di Perda Liana si staglia nelle viste verso meridione.
L’onnipresente sagoma di Perda Liana si staglia nelle viste verso meridione.
La radura prospiciente l'area archeologica di Su Nercone, raggiungibile con una breve deviazione dal nostro itinerario.
La radura prospiciente l’area archeologica di Su Nercone, raggiungibile con una breve deviazione dal nostro itinerario.
Sito archeologico di Su Nercone, velocemente raggiungibile dal nostro itinerario.
Vista del Sito archeologico di Su Nercone che comprende due Nuraghi e due Tombe dei Giganti.
Monte Genziana (1.506 mt. s.l.m.)
L’ampia mole del Monte Genziana (1.506 mt. s.l.m.).
Bacu Orovigili, sulla destra Bruncu Gasidargiu (1.214 mt.) e a sinistra il Monte Olinie (1.370 mt.).
Bacu Orovigili; sulla destra Bruncu Gasidargiu (1.214 mt.) e a sinistra il Monte Olinie (1.370 mt.). Sullo sfondo si intravede la onnipresente Perda Liana.
Monte Olinie (1.370 mt. s.l.m.).
Monte Olinie (1.370 mt. s.l.m.).
La strada del nostro itinerario, a sinistra Bruncu Gasidargiu (1.214 mt.) e sulla destra l'ampia mole del Monte Genziana (1.506 mt.).
La strada del nostro itinerario, a sinistra Bruncu Gasidargiu (1.214 mt.) e sulla destra l’ampia mole del Monte Genziana (1.506 mt.).
I monti di Talana Bruncu Pisucerbu (a dx 1.348 mt.) e Punta Soleadduci (al centro, 1.358 mt.); sulla sinistra spunta la cima bianca di Punta Ispignadorgiu (1.232 mt.).
Le pendici dei monti di Talana, Bruncu Pisucerbu (a dx 1.348 mt.) e Punta Soleadduci (al centro-sx, 1.358 mt.); sulla sinistra spunta la cima bianca di Punta Ispignadorgiu (1.232 mt.).
Vista di Talana e dei monti che la circondano.
Vista di Talana e dei monti che la circondano tra cui sullo sfondo sono visibili Punta Is Gruttas, i corni dolomitici di Monte e Serra Oseli e le alte cime del Supramonte di Baunei.
This entry was posted in itinerari, tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *