Necropoli di Sant’Andrea Priu (Bonorva)

By simone
Sant’Andrea Priu, l’ingresso della Tomba del Capo.

Siamo nella piana di Santa Lucia, propaggine sud orientale della Valle dei Nuraghi, a una decina di chilometri da Bonorva e in prossimità dell’importante corso del Rio Mannu. In un affioramento trachitico è stato ricavato un importantissimo sito dalla lunghissima storia e frequentazione che parte da 3.000 anni avanti Cristo come necropoli ipogea pre nuragica (in sardo Domus de Janas) fino al Medioevo quando ormai da secoli era stata convertita in chiesa rupestre, probabilmente già in epoca paleocristiana.

L’ingresso di una delle Domus de Janas

Il sito conta una ventina di tombe che a loro volta si dividono in numerosi vani; l’area di maggior interesse è la così detta Tomba del Capo, composta da 18 vani (una delle più estese del Mediterraneo) e caratterizzata nei millenni prima da incisioni sulle pareti a ricreare quello che era l’ambiente domestico pre nuragico poi da parti in cui successivi strati di intonaco testimoniano il passaggio delle culture romane e bizantine, con scene floreali, geometriche e raffigurazioni del Nuovo Testamento; lo stato di conservazione di queste pitture è abbastanza buono e personalmente sono rimasto impressionato dalla ricchezza e varietà dei dipinti e dai colori utilizzati.

Sant’Andrea Priu, bellissimo affresco che adorna una delle pareti della Tomba del Capo.
Tomba del Capo, affresco raffigurante una donna, denominata la Matrona.
In questo dipinto notiamo la varietà dei personaggi che raffigurano scene dal Nuovo Testamento e parte del soffitto decorato con motivi geometrici.

Nel vano principale della Domus in corrispondenza del soffitto un’apertura permetteva la raccolta dell’acqua piovana, utilizzata per i riti cristiani che qui si svolgevano; sulla sommità del piccolo rilievo trachitico in cui sono ricavate le Domus de Janas, a pochi metri dall’apertura per il convoglio dell’acqua piovana, è presente quella che sembrerebbe una scultura di animale, forse un toro, priva della testa e realizzata nella pietra viva.

Sulla sommità dell’affioramento trachitico dove risiedono le domus de Janas è presente quella che sembra una scultura di animale, forse di toro, ricavata nella pietra viva.

La visita al sito di Sant’Andrea Priu è a pagamento, stranamente i biglietti per accedere al sito vanno acquistati a un chilometro dal sito stesso, quindi conviene dirigersi direttamente in biglietteria prima di parcheggiare e accedere per la visita.

This entry was posted in Archeologia, Luoghi, Tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *