Monte Doglia (Alghero)

Da sinistra a destra: Baia di Porto Conte, Capo Caccia, Golfo di Porto Ferro, Capo dell’Argentiera.

Il Monte Doglia, con i suoi 435 mt. slm, è la terza altura più elevate della Nurra dopo Punta Lu Caparoni (445 mt. slm) e il Monte Forte (464 mt. slm). E’ composto dai calcari di piattaforma carbonatica depostisi fra il Giurassico ed il Cretacico, proprio come i rilievi che lo circondano (i monti Murone, Palmavera, Des Daus, La Giorba, Istidu) ed i vicini promontori di Capo Caccia e Punta Giglio.

Monte Doglia, versante settentrionale; a centro foto il Lago baratz (unico lago naturale della Sardegna).

Per la sua posizione, circa 3 chilometri dalla costa, è un punto panoramico eccezionale dal quale è visibile buona parte della Nurra, fra la costa e l’entroterra, e in particolar modo sono molto suggestive le viste verso la Baia di Porto Conte e la costa di Torre Porticciolo fino a Porto Ferro e Punta dell’Argentiera.

Vista dal Monte Doglia: Capo dell’Argentiera e sulla destra la cima più alta è Punta Lu Caparoni (445 mt. s.l.m.).

E’ facilmente raggiungibile imboccando, a partire dalla SS291 poco prima di Fertilia, la Strada Vicinale Arenosu che prosegue poi come strada militare (divieto di accesso segnalato all’altezza del primo tornante) fino alla cima dove è situata una stazione radar per assistenza al volo.

Monte Doglia visto da Alghero.
Vista dal Monte Doglia: Torre del Porticciolo.
Alghero e Fertilia (clicca qui per vedere il controcampo di questa foto).
L’Aeroporto di Fertilia, dietro Olmedo e sullo sfondo a sinistra Sassari e dietro ancora Osilo.